Storia di una disinformazione suicida: come è sparita dai giornali l’umiliazione della Sardegna (di Paolo Maninchedda)

Paolo Maninchedda

Pubblicato da Paolo Maninchedda sul suo blog.

Ieri mattina la notizia principale per noi sardi era la seguente: “Il ministro dell’Economia, Vittorio Grilli, ha firmato l’intesa con la Regione siciliana che consentirà di derogare al Patto di stabilità 2012. Potranno così essere sbloccati 600 milioni da destinare alla spesa e 300 milioni per impegni su investimenti futuri”.
La Regione Sicilia ha meno titoli della Regione Sardegna per chiedere l’ampliamento del tetto dei pagamenti fissato per il 2012 dal Patto di stabilità, giacché la Sardegna è forte della sentenza della Corte Costituzionale sulle nuove entrate ex art. 8 dello Statuto Speciale e lo Stato è obbligato ad adeguare i tetti alle nuove entrate. Invece, Grilli ha concesso la deroga al Patto di stabilità alla Sicilia e se n’è catafottuto della Sardegna.
La situazione sarda è drammatica. La Regione ha esaurito il suo tetto dei pagamenti da giugno, dopo averlo distribuito tra gli assessorati in modo assurdo. Si pensi che l’Assessorato ai Lavori Pubblici, che ha residui per circa un miliardo di euro e che è il punto di riferimento degli appalti in corso nei Comuni della Sardegna, ha avuto un tetto dei pagamenti di 82 milioni di euro. Ovviamente la Presidenza ha invece goduto di un tetto dei pagamenti molto ma molto più alto.
Che cosa sta accadendo? Sta accadendo che le imprese stanno finanziando le opere pubbliche, indebitandosi con le banche. La Sardegna, se la Regione non immette subito almeno 300 milioni di euro di liquidità, farà crack. Per farlo, deve ottenere la deroga al patto di stabilità che ha ottenuto la Sicilia.
Bene, ieri ho spiegato tutto questo all’Agi e all’Ansa. Risultato? Una riga di Giuseppe Meloni sull’Unione sarda (e meno male che almeno questa è uscita) all’interno di un servizio sulla Finanziaria 2013 che non era minimamente l’oggetto del mio discorso. Peraltro, e sia detto per inciso, o la Finanziaria 2013 ha, sul versante della spesa, una perfetta coerenza con solo tetto dei pagamenti o io non la voterò. Ma torniamo alla questione siciliana. Perché, pur avendo noi diritto a ciò che loro ottengono e noi no, tutti tacciono? Perché non capiscono; perché continuano a fare la politica dello struzzo. Un ceto politico che nasconde anche a se stesso la verità della propria debolezza e inconsistenza fino al punto da assuefare al proprio grigiore inconcludente anche gli organi di stampa (che oggi inseguono la rissa sulle province quando la Sardegna sta morendo per ben altre ragioni), bene, un ceto politico siffatto e un mondo dell’informazione così pigro necessitano di un cambiamento profondissimo, di una proposta politica che è così forte di militanza sociale da potersi emancipare da ogni obbligo di relazione con vecchie strutture. Bisogna fare un cartello elettorale tanto forte da essere diverso e capace di dire dei no. Se non diremo dei no netti, non riusciremo a cambiare profondamente la Sardegna. Con alcuni, e non sono pochi, non si può fare neanche un passo insieme.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...