Berlusconi: quando un uomo con la pistola incontra un uomo col fucile, quello con la pistola è un uomo morto!

berlusconi2

Berlusconi è ritornato, come la fenice, con il suo harem di donne e politici fedeli intorno. Il PD pagherà l’appoggio incondizionato a Napolitano, Mario Monti e ad un governo iper-liberista in linea con il centrodestra europeo? Bersani & C. hanno votato a favore di qualsiasi proposta strategica del Governo Monti, senza smarcarsi mai: pareggio di bilancio in Costituzione, la riforma “esodante” delle pensioni, la dismissione dell’articolo 18, la privatizzazione dei servizi, il colpo di grazia alla sanità e all’istruzione pubblica, il licenziamento degli statali, il patto di stabilità per i Comuni sotto i 5.000 abitanti, la riduzione al 50% dei contratti a tempo determinato nel settore pubblico.  La destra italiana – sta avvenendo in tutta Europa – attribuirà sempre più al centrosinistra le politiche europeiste e di austerity. Le battaglie di Berlusconi si chiameranno «patriottismo», «identità nazionale», protezionismo ed euroscetticismo, metteranno in discussione populistica la moneta unica. E’ lui che stacca la spina al Governo Monti, mica il centrosinistra.

Perché Berlusconi ritorna? A distanza di venti anni il motivo è sempre lo stesso: la Magistratura. I Magistrati lo vogliono come Previti o Dell’Utri, condannato, arrestato, anche agli arresti domiciliari, purché sia chiaro che lui è colpevole e merita di marcire. Le ultime leggi del Governo Monti in materia di giustizia sembrano favorire questo quadro. Lui allora che fa? Tenta una prova di forza, dimostra che non è morto e che ogni sua affermazione influenza i cicli dello spread e le attività diplomatiche dell’Occidente «reale» più di un qualsiasi anonimo Bersani o Renzi o Vendola. In negativo? E chi se ne frega! Magari questa volta non vincerà, ma conterà, rischia di essere comunque determinante e allora ecco in regalo qualche altro anno di grottesca commedia all’italiana: Repubblica che chiede la condanna di Berlusconi ma non vuole che i Magistrati si interessino agli interventi di Napolitano in merito alle indagini sulla trattativa Stato-Mafia, i giornali e i conduttori gossipari che tirano un sospiro di sollievo e si fanno ricchi, Santoro e Travaglio che demoliscono ogni record di audience, Saviano che vende milioni e milioni di copie dei suoi libri, D’Alema e Bersani che si propongono difensori della Costituzione e della legalità e dell’eliminazione del conflitto di interessi, veline che diventano parlamentari, Renzi che si frega le mani e attende lungo le rive del fiume il passaggio del cadavere del nemico.

Berlusconismo e anti-berlusconismo. Vedremo se conduttori, giornalisti, osservatori, politici non berlusconiani hanno colto definitivamente la più straordinaria lezione di Berlusconi: per capire l’Italia e gli italiani conviene osservare il Paese e chi lo abita assai più di chi lo guida. Vedremo anche, su scala nazionale, quanto cresceranno i 3 milioni delle primarie csx, la vittoria di Bersani, in tal senso, ha di sicuro incoraggiato il Cavaliere. Per il momento la battuta migliore la fa proprio Mario Monti alla prima della Scala «Il re Sole si è un po’ allontanato da me». Chi ha la pistola? Berlusconi o la Magistratura?

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...