Io, eterna madre della sinistra uccisa dai figli. (Dei dinosauri rimane solo l’idea, come della rosa di Umberto Eco)

Rossana Rossanda
Rossana Rossanda

Leggere le interviste o i libri «de senectute» – per dirla alla Bobbio – dei dinosauri dell’intellettualità di sinistra del Novecento italiano fa veramente impressione. Scalfari, Asor Rosa, Rossanda, Gallino: è più giusta (nel senso di equa) la loro visione del mondo oppure quella attuale? Il tramonto di questa intellettualità andrebbe analizzato con uno «sguardo oltrepassante» oppure con l’approccio banale di un’angolatura da tv commerciale?

Intervista a Rossana Rossanda – Repubblica 7 giugno 2013

“No, non ci capiamo più. Li ho ascoltati per tanti anni, un lungo miagolio sulle mie spalle. Venivano dalla madre a raccontare le delusioni esistenziali. Gli amori, le speranze, le difficoltà. Ma ora davvero non ci capiamo più”. Lo sguardo è severo e insieme sorridente, l’incarnato candido come le camelie che fioriscono nel giardino qui intorno. Da qualche mese Rossana Rossanda vive a Brissago, un angolo del Canton Ticino dove si fermerà fino alla fine di agosto. “Sì, è un bel posto. Dall’ospedale di Parigi vedevo solo la periferia, qui c’è il lago per fortuna increspato dal vento. Per chi non la conosce, la Svizzera può essere incantevole. Ma pare che chi ci vive la trovi insopportabile”.

Azzurro ovunque, le vele bianche, anche i monti innevati, una bellezza quasi sfacciata e intollerabile allo sguardo ferito di chi abita nella grande casa di vetro affacciata sul lago Maggiore. “La prego”, si rivolge con famigliarità all’infermiere, “può dare un po’ d’aria alle rose?”. La stanza è luminosa, sul comodino la bottiglia di colonia e la biografia di Furet, un po’ più in là l’ultimo libro di Asor Rosa, I racconti dell’errore. “È un bellissimo libro sulla vecchiaia e sulla morte. Ma noi vogliamo parlare d’altro, vero? I necrologi lasciamoli da parte”.

Per i più vecchi, nella famiglia del Manifesto, è stata l’eterna sorella maggiore, la quercia sotto cui ripararsi nella tregenda. Per i “giovani” – così li chiama, anche se giovani non sono più da tempo – è la madre temuta e ingombrante. “Sì, una madre castratrice. Mi hanno sempre visto così, anche se io non mi sono mai sentita tale. Ho sempre cercato di capire, di dar loro spazio, ma forse è una legge generazionale. I figli per crescere hanno bisogno di uccidere i padri e le madri. E ora è toccato anche a me”.

Nel settembre scorso ha lasciato il giornale da lei fondato con un articolo molto polemico: è mancata una riflessione su chi siamo, su cos’è diventato il quotidiano, sul rapporto con le origini e con il presente. Su cos’è oggi la sinistra. Insieme a Rossanda, se ne sono andati anche Valentino Parlato e diverse altre firme. “Non siamo noi ad essercene andati. È il Manifesto ad averci cacciato. L’abbiamo perso. Non voleva più saperne di noi, e noi ci siamo ritirati. Anche stupidamente, perché dovevamo essere noi a far tacere i più giovani. C’è stata una grandissima cesura, tra la nostra generazione e quella successiva. Mossi da una sorta di risentimento, non fanno che dirci: soltanto un mucchio di macerie, ecco quello che ci avete lasciato. Voi, con le vostre certezze e le vostre idee granitiche. È la frase più stupida che abbia mai sentito”.

Macerie, certezze, noi e loro. Nessun errore, nessun ripensamento? “Il mio errore è stato non tenere unito il gruppo. E anche non capire che, se per la nostra generazione è stata dura, per quelli nati negli anni Settanta e Ottanta del secolo scorso lo è ancor di più. Ma non dovevamo farci portare via il giornale. Come in un refrain, ci ripetono: è cambiato tutto, niente è più uguale a prima. Ma cosa vogliono dire? Cos’è questo tutto che è cambiato?”.

Il mondo le appare più ingiusto che mai, tra privilegio e povertà, sfruttatori e sfruttati, management superpagato e lavoratori affamati. “Non c’è mai stata tanta ineguaglianza nella storia. Però si passa sopra tutto questo, non importa. È stato assorbito anche dai giovani il bisogno di abolire il conflitto, come se lo scontro sociale fosse una roba del secolo scorso. Anche il Manifesto ci ha rinunciato da tempo, mescolando confusamente beni comuni ed ecologismo. Sì, certo, di queste cose non me ne importa niente anche per miei limiti. Ma sento il bisogno di chiedere un ritorno al conflitto di classe. E non penso a un estremista assetato di sangue, ma alle analisi di Luciano Gallino, che io ricordo all’epoca di Adriano Olivetti”.

Le fa orrore una società pacificata, “l’assurda intesa benedetta da Napolitano tra Berlusconi e quel po’ di sinistra che resta”. E non ha grande fiducia nei movimenti, generosi e vitali ma impotenti. “Prevale ovunque l’antipartito, che mi sembra profondamente sbagliato. I partiti hanno avuto molti difetti, ma ciascuno da solo non combina niente. L’alternativa rischia di essere Grillo, il quale è riuscito a condensare i peggiori vizi dei partiti – l’autorità del Capo – senza esercitarne la funzione più nobile, ossia tenere insieme le persone, impegnarle in un progetto comune. Poi lo stile: quello che ha fatto con Rodotà è al di sotto di ogni decenza”.

No, ora non le interessa più tornare al Manifesto, confondersi “in quel chiacchiericcio insensato”. Preferisce scrivere “su un sito di economisti intelligenti come Sbilanciamoci”. Ma non è una rottura personale, solo politica. Lo ripete più volte, come se ci volesse credere. “Almeno per me è così. Non mi pesa aver litigato con qualcuno, umanamente faccio la pace subito. Io non faccio pace con le idee, che è cosa molto diversa. Ma i giovani ragionano in altro modo. E forse io voglio più bene a loro di quanto loro ne vogliano a me”.

Ora che è finita, quella storia può essere raccontata, cominciando dall’inizio. Là dove chiude Una ragazza del secolo scorso, con la nascita del Manifesto e il tentativo di far da ponte tra il Sessantotto e la vecchia sinistra. “Non funzionò e vorrei tentare di capire cosa è successo. Il libro l’ho già in testa, si tratta di scriverlo. Più che l’attuale divisione da Norma Rangeri, mi pulsano gli antichi contrasti con Pintor, Magri e Natoli”. Bisogna capire tante altre cose, anche perché il paese s’è ridotto in questo stato. “Lucio è stato quello che dal fallimento politico ha tratto le conclusioni più pesanti, scegliendo di morire. La perdita della moglie amata ha coinciso con una perdita di senso più generale. E ha preferito andarsene”. Perché volle accompagnarlo nell’ultimo viaggio? “Era il minimo che potessi fare. Nel nostro gruppo, ero la persona che l’aveva più ferito. All’epoca del Pdup, gli portai via il giornale, sottraendogli la carta più forte nella discussione con Berlinguer. Naturalmente lo rifarei da capo, ma è sicuro che gli feci male. E avendogli voluto molto bene, mi è parso il minimo stargli vicino nel momento della fine. Stava male da anni, non era una malinconia passeggera. Abbiamo fatto di tutto per dissuaderlo, ma non ci siamo riusciti. Allora gli ho chiesto: “Lucio, vuoi che ti accompagni?”. Speravo mi dicesse no. Invece lui mi ha detto sì. E io l’ho fatto”.

Aveva immaginato una morte serena, “come accadeva nell’antichità”. E invece no, non è andata così. “Un’esperienza terribile. Però è una scelta che rispetto, e capisco. Vivere per vivere non ha molto senso. Se non ci fosse Karol (ndr il marito malato che l’aspetta a Parigi) non avrei alcun interesse a vivere”. Accompagnare qualcuno verso la morte – disse una volta in un dialogo con Manuela Fraire – vuol dire addomesticare il pensiero della propria fine. “Il dolore ti fa capire molte cose, ossia il dolore stesso. Noi rifuggiamo dall’esperienza negativa, dall’annullamento, mentre il dolore ti sbatte sul muso questa roba, e allora lo capisci. Non credo invece che tu possa uscirne migliorato, perché è un’esperienza pesante, che può schiacciarti. Così come non penso che il lutto si possa elaborare, ma rimane parte di te, incancellabile”.

Tutte le persone perdute se le trascina dietro, anche qui, davanti allo strano lago che assomiglia al mare. Il lago nero della sua gioventù partigiana, quello dove i tedeschi buttarono i corpi martoriati. “Oggi vivo nel presente, ma non è più il mio, essendone venuti a mancare gli elementi costitutivi. Un presente che si restringe nel tempo e nella frequentabilità. Prima potevo dire domani vado a Berlino o salgo in montagna. Ora non lo posso dire più”. Prevede l’obiezione, gli occhi s’accendono d’ironia. “No, non mi piace invecchiare. Sono entrata nel novantesimo anno, ma non ne faccio motivo di vanto. Norberto Bobbio ci scrisse sopra uno splendido libro, De Senectute. Ma io non appartengo a questa categoria. Sono rimasta esterrefatta quando mi sono trovata un ictus addosso, e vorrei liberarmene. Cosa che non avverrà. Noi del corpo non sappiamo nulla. Le mie amiche femministe dicono che le donne siano più vicine all’organismo, ma non è vero. Ora provo cosa vuol dire avere mezzo corpo, ed è terribile. Il corpo o è integro, o non è. Non si è un po’ paralizzati, un po’ malati. Lo si è completamente”.

Ma la mente è lucida e affilata come prima dell’imboscata. “Un’aggravante. Non ti puoi distrarre da quel che sei. Non mi sono accorta di niente, quando mi è venuto l’ictus. Non ho provato dolore, non sono caduta. Guardavo la tv, nella mia casa di Parigi. E all’improvviso sono diventata una medusa, una creatura gelatinosa e impotente. Ha presente un grosso medusone?”. Ti guarda e scoppia a ridere, come se l’improbabile mostro marino appena evocato potesse portarsi via le paure. “Davvero, è così. Allora bisogna avere un carattere energico, e dirsi: io vado avanti. Ma non ho questo temperamento eroico”.

Doriana, l’amica che non l’ha mai lasciata, le porta il tablet per leggere. Rossanda è divertita e perplessa, “chissà se mi ci abituo”. Eterna sorella maggiore, quella che ne sa sempre di più, e s’addolora se gli altri non la seguono, forse è lei oggi a desiderare una sorella più grande. “No, sono prepotente. E non potrei sopportarla”. Le “ragazze del secolo scorso” sono fatte un po’ così. “Sì, certo appartengo al Novecento. Anche al giornale mi hanno guardato come una donna di un tempo lontano. Ma è stato un grande secolo, cosa che l’attuale non ha l’aria di essere. Abbiamo vissuto una storia terribile, ma una grande storia. Ora siamo nelle storielle”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...