CSU denùntziat chi sa polìtica linguìstica est firma

CSU

COMUNICADU PRO S’IMPRENTA

Su CSU, COORDINAMENTU PRO SU SARDU UFTZIALE, a pustis de s’assemblea de su 14 de làmpadas in Santa Justa in ue fiant presentes belle 200 ativistas, at imbiadu prus de una lìtera a su Presidente Pigliaru e a s’assessora Firino pro pedire un’addòbiu cun una rapresentàntzia de su Coordinamentu.

Dae pagu ant torradu risposta dae s’Assessoradu narende chi in custu momentu non podent retzire su CSU ca b’at àteras prioridades e àteras urgèntzias. Sa limba sarda, duncas, no est pro custu guvernu una prioridade ma un’òpera de arrangiare prus a innedda.

Su CSU no est de cussu pàrrere.

Pro su Coordinamentu sa limba sarda est imbetzes de importu mannu pro sa polìtica sarda: est una faina chi depet èssere averiguada sena lassare colare tempus meda. In presse. Duncas denuntziamus chi su cumportamentu de sas autoridades regionales no est de sos prus achistiados pro su tempus benidore de sa polìtica linguìstica.

Pro su CSU est de importu mannu a:

  • Defensare e promòvere sa Limba Sarda Comuna
  • Istitutzionalizare e istabilizare sos ufìtzios de sa limba sarda
  • Finantziare su sardu in sas iscolas
  • Finantziare su sardu in sos mèdias
  • Creare un’agèntzia regionale pro sa promotzione de sa polìtica linguìstica
  • Normalizare su sardu in sa sotziedade e in sas famìlias

Como però est pretzisu chi su CSU punnet a chircare unu diàlogu cun sas istitutziones, a manera sulena e cun proponimentos bonos. Isetamus propostas, ideas e contributos pro lòmpere a s’atòngiu cun ideas craras in pitzu a sas atividades de aparitzare pro dare visibilidade a sa limba sarda.

 …

In s’ìnteri su Coordinamentu pro su Sardu Ufitziale, paris a sa comuna de Neoneli, aparitzat una iscola de istade de polìtica linguìstica pro sàpadu 23 austu 2014 in Neoneli (Aristanis). In su salone comunale Corrale, a mangianu (h. 9.30), a pustis de su saludu de su sìndigu Salvatore Cau, si comintzat cun sas relatas de Roberto Carta (antropòlogu), Niccolò Migheli (sotziòlogu) e Vito Biolchini (giornalista). Moderadores Diegu Corraine e Pepe Coròngiu. A pustis dibàtitu lìberu. A merie arresonu lìberu in sala o finas in grupos temàticos subra sas chistiones de polìtica linguìstica. Acabu a oras de sas 19.00. Punna de s’iscola de istiu est de dare a sos ativistas de su Movimentu Linguìsticu ainas, informatziones, ideas e indicos, finas cun su cunfrontu dialèticu, pro parare fronte mègius a sa chistione de sa limba a dies de oe. Tocat a disinnare s’istrategia pro afortire su Bilinguismu e sa polìtica linguìstica in s’atòngiu e pro sos annos imbenientes. S’iscola est aberta a totus e est a in donu. Màndigu a preju polìticu. Pro partetzipare tocat a dare s’adesione a su CSU e a su programma suo. Pro iscritzione imbiare postela sardufitziale@gmail.com

***

COMUNICATO STAMPA

In seguito all’assemblea del 14 giugnocon oltre 200 attivisti, il CSU – Coordinamentu Sardu Ufitziale – ha formalizzato una lettera, e alcuni solleciti, che è stata inviata al Presidente RAS F. Pigliaru e all’Assessora C. Firino, in cui si chiedeva Loro un incontro con una rappresentanza del CSU.

Pochi giorni fa hanno risposto dall’Assessorato che ora l’Assessora non può ricevere la delegazione in quanto impegnata in altre priorità e urgenze.

Per questo governo la lingua sarda non è perciò una priorità, ma un’attività da sbrigare più in là nel tempo.

Il CSU non è di questa opinione.

Per il CSU la lingua sarda riveste un ruolo primario nella politica sarda: è una questione cui va data massima premura. In breve tempo. Pertanto denunciamo che l’atteggiamento delle autorità regionali non è di buon auspicio per il futuro della politica linguistica.

A parere del CSU le priorità sono:

Difendere e promuovere la Limba Sarda Comuna

Istituzionalizare e stabilizzare gli sportelli linguistici

Sostenere l’insegnamento del sardo nelle scuole

Sostenere la diffusione della lingua sarda nei media

Creare un’agenzia regionale per la diffusione della lingua

Normalizare il sardo nella società e nella famiglia.

Ora come ora è però giusto che il CSU miri ad ottenere un dialogo con le istituzioni, che sia propositivo e pacato. Si attendono proposte, idee e contributi che possano concorrere alla preparazione di attività da svolgersi in autunno che abbiamo lo scopo di dare visibilità alla lingua sarda.

Intanto il Coordinamentu pro su Sardu Ufitziale, con il patrocinio del comune di Neoneli, organizza una scuola estiva di politica linguistica per sabato 23 agosto a Neoneli (Oristano), Nel salone comunale Corrale al mattino (h. 9.30), dopo il saluto del sindaco Salvatore Cau, si inizia con le relazioni di Roberto Carta (antropologo), Niccolò Migheli (sociologo) e Vito Biolchini (giornalista). Coordinatori dei lavori Giuseppe Corongiu e Diego Corraine. Segue un libero dibatito. Al pomeriggio libera discussione in sala o nei gruppi tematici fino alle ore 19. Obiettivo della ‘summer school’ è di offrire agli attivisti del Movimento Linguìstico strumenti, informazioni, idee e indicazioni, anche attraverso il confronto dialettico, per affrontare meglio la questione della lingua così come si presenta in questo frangente politico e sociale. E’ necessario progettare strategie per rafforzare il bilinguismo e la politica linguistica in autunno e per gli anni a venire. La “scuola” è aperta a tutti ed è gratuita. Pranzo a prezzo politico. Per partecipare bisogna dare l’adesione al CSU e al suo programma. Per le iscrizioni inviare mail a sardufitziale@gmail.com

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...