La narrativa sarda nazionàl-esotica conosce Placido Cherchi?

Placido Cherchi a piseddu
Placido Cherchi a piseddu, in artu e in mesu, cun su bentone alvu. Placido Cherchi da ragazzo, nella fila in alto, al centro, con la camicia bianca.

Poco più di un anno fa è morto Placido Cherchi, uno dei più importanti pensatori sardi degli ultimi trenta anni (almeno). E non lo dico perché ho avuto un rapporto diretto e privilegiato con lui oppure perché siamo dello stesso paese o, ancora, perché condivido alcuni suoi percorsi di studio. No. Lo dico perché quello di Placido Cherchi è stato un cervello superiore. Ho visto tanti saggisti sardi più o meno celebri copiare di sana pianta da lui, giovani e meno giovani, ben valutati o sopravvalutati, accademici e non. Fabulazioni antropologiche e trattatistiche che si cibavano a piene mani alla tavola imbandita da Placido. Ne ho visti altri non capire i suoi tornanti heiddegeriani applicati al caso sardo (mica poteva scegliere il filosofo della domenica, no, Heiddeger).

Nel mondo dell’indipendentismo senza limba è stata una delle poche voci in favore de sa limba, lo testimoniano i tanti video su youtube che rilanciano di continuo i suoi discorsi indipendentisti (nazionalisti) a partire dalla lingua (quella sarda) e non dall’economia o dalla fiscalità. Riguardo l’oralità, soprattutto negli ultimi anni, nei suoi interventi usava sempre di più il sardo, senz’altro non in versione racconti di Niffoi. Credo fosse vicino il momento di un sapiente uso scritto in limba. Peccato, non vi è stato il tempo.

Spesso inarrivabile per una borghesia intellettuale locale sovente prostrata di fronte alle élites accademiche e/o patinate che alloggiano tra Roma, Milano, Bologna e Torino. Antropologia, filosofia, arte visiva: tutto ben combinato e assolutamente al di fuori degli schemi di auto esotismo di cui tanto soffrono i narratori dei festival sardi (infatti non ha mai partecipato a nessun festival. Non è mai stato invitato, e questo, in fondo, è molto rassicurante). Il canone deleddiano non lo ha minimamente intaccato, anzi. Eppure di una cosa sono convinto: l’equipe sarda degli scrittori patinati nazionàl-esotici non lo conosce minimamente. Anche questo, in fondo, è molto rassicurante.

(Iscritu su 25 de capudanne) Un’annu a oe Placido Cherchi si nd’andeit, tzucadu, cosa de ischire a in ue, pro non torrare. Apo iscritu unu meledu pro sa rivista Soliana chi l’at a ammentare su 11 de su mese de Santu Aini in Casteddu, cun unu nùmeru pro a isse ebbia. In custas dies de amargura mi so iscritu cun su frade Pàulu, dae prus de chimbanta annos in Chicago, sa tzitade in ue est istadu professore de gabbale internatzionale de literadura medievale. Pàulu Cherchi, a èssere pretzisos, m’at iscritu: «M’abigio chi Placido est ammentadu comente una vera e arta ghia intelletuale e custa, forsis, est un’istima de sa cale isse non aiat mancu prena cussèntzia, ma est istima meritada e meda».

Tando, si unu che a Cherchi non at seradu totu s’istima giusta pro su traballu culturale chi at fraigadu in annos e annos de fungudumine, cheret nàrrere chi semus pròpiu a bellu puntu. Màssimu si cussa istima, imbetze, andat a «mesu intelletuales/iscritores» chi de Sardigna ant cumpresu unu millionesimu de su chi at contadu Placido Cherchi. E a dolu mannu nostru sunt connotos issos comente «sardos iscritores» de gabbale! Faula prus manna non b’at, ca proite s’esotismu e s’autoesotismu sunt una maladia e non una balentia.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...