Una litera a Manlio Brigaglia subra de sa LSC! Ma Brigaglia s’istat a sa muda…

Sa lìtera a Manlio Brigaglia

Carchi die faghet Manlio Brigaglia at retzidu una lìtera intitulada «Si alla Lingua comune. Così nasce un popolo». Sa lìtera l’at retzida pro sa rubrica chi a fitianu contivigiat pro su cuotidianu La Nuova Sardegna. L’at imbiada Antonio Perinu, oschiresu, sìndigu de Òschiri dae su 2000 a su 2010, capu-grupu Pd in sa Provìntzia de Olbia-Tempio dae su 2010 e fina a cando s’Ente no est istadu cummissariadu. Una lìtera chi est unu meledu, un’idea de limba e de pòpulu, de Sardigna intro de s’Europa. Manlio Brigaglia l’at fata publicare, emmo, ma no at torradu cabu. A dolu mannu suo, e de chie non si cumprendet it’idea tenet in contu de limba e de pianificatzione linguìstica, custos meledos ant a sighire e a creschere, semper de prus. Genias noas, in intro sa polìtica traditzionale e in foras, si sunt aprontende pro ischirriare su babbu mannu dae su bìdrigu (it. patrigno). Brigaglia cheret chi si pongat s’ànimu in pasu e chi cumintzet a nàrrere francu francu comente la bidet isse: che a su primu Milianu Pira (cando naraiat chi sa limba sarda fiat isceti pro contos betzos e pro faeddare unu mundu, cussu de su campu, chi fiat andende a morrere) o che a s’ùrtimu Mialinu Pira (cussu chi nos at lassadu unu romanzu in limba sarda, Sos Sinnos, e un’idea de limba chi podet èssere iscrita, regulada e pensada in mannu)? Mentovo a Mialinu Pira ca proite de s’iscritore bitzichesu Manlio Brigaglia si contat amigu e cumpàngiu de cosas sardas. Ma in custas cosas sardas logu pro sa limba sarda a bi nd’at? E ite limba est: biddùncula, biddaresa, minore? O de pòpulu e de su logu cantu est mannu (diamus narrere de sa Sardigna intrea)? Semper tzitende a Mialinu Pira, ite cherimus essere: McLuhan o s’Arcadia? Torra·nos·lu unu cabu, e dai!

Inoghe sa lìtera a La Nuova Sardegna iscrita dae Antonio Perinu.

Vorrei abbattere qualcuno dei 377 campanili dell’isola, senza mettere in discussione usi e costumi linguistici che in ciascuno di essi si praticano. Io penso che il futuro della Sardegna sia strettamente legato ai destini della sua lingua ufficiale senza la quale è incomprensibile a chiunque la pretesa di una specificità e di una insularità che in Europa andiamo vanamente mendicando da anni. Credo anche che ciò valga più delle contese interne alle nostre università, nelle soprintendenze e negli assessorati regionali. Ma voglio aggiungere senza apparire eversivo, anche più importanti delle contese insopportabili interne al parlamento italiano. Perché per essere dall’Europa riconosciuti come popolo se non come Stato, non possiamo che iniziare dal rappresentarci come coloro che si identificano negli atti ufficiali giuridicamente riconosciuti e redatti in un’unica lingua, universale per i sardi, sintesi ragionevole e generosa di un antichissimo modo di comunicare di un popolo da millenni insediato in mezzo al mediterraneo.

Senza che ciò impedisca a ciascuno di continuare ad essere e parlare il logudorese, il campidanese, il barbaricino, il gallurese, il tabarchino, il sassarese e ogni altra variante linguistica nelle nostre case coi nostri figli, con gli amici, nei luoghi di lavoro. Non vergognandoci ma esaltandone il valore e il senso profondo di una durissima esperienza umana il cui destino non dipende soltanto dalle istituzioni e dagli altri ma anche dalla nostre capacità, convinzione e orgoglio col quale intendiamo appartenere oggi e domani a questa terra.

Siamo chiamati oggi, ad un dovere più alto che chiede a tutti qualche rinuncia e un po di generosità. Se ciascuno di coloro che nelle accademie e nelle istituzioni hanno ruolo sulla vicenda, riflette fuori dal fuoco della controversia, illimpidendo il proprio stato d’animo, sa che alla fine del proprio impegno non c’è soddisfazione o ambizione personale, ricerca o pubblicazione culturalmente riconosciuta, che valga l’idea di aver servito senza inganni e senza rimorsi, la grandezza di un’idea che conduca la Sardegna ad una riconosciuta e affermata lingua Sarda in Europa.

Annunci

Un pensiero su “Una litera a Manlio Brigaglia subra de sa LSC! Ma Brigaglia s’istat a sa muda…

  1. Pingback: Brigaglia sighit a èssere Brigaglia…(…e nois giai l’ischimus) | Roberto Carta

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...